Monaco di Baviera tornerà a Windows (e forse anche a Microsoft Office)

La città di Monaco di Baviera, che 14 anni fa aveva fatto la scelta coraggiosa di passare al software libero, tornerà a Microsoft Windows a partire dal 2020.

La decisione era nell’aria da tempo, dopo che lo scorso anno fu presentato e discusso uno studio condotto da Accenture sullo stato dell’infrastruttura informatica comunale per determinarne gli sviluppi futuri.

Dopo un anno e diversi consigli comunali si è arrivati (purtroppo n.d.r.) alla fatidica decisione di migrare i 29000 PC attualmente equipaggiati con LiMux a Windows 10 a partire dal 2020. Secondo le stime il piano di migrazione sarà completato nel 2023 e costerà circa 89 milioni di euro.

Incerto invece il futuro di LibreOffice in quanto il Consiglio Comunale ha inoltre deciso di testare l’uso di Microsoft Office 2016 per 6000 utenti. I risultati di questo test verranno discussi dal consiglio comunale a fine 2018 quando Monaco dovrebbe votare se sostituire o meno LibreOffice con Microsoft Office. In caso di esito positivo la migrazione a Microsoft Office partirà nel 2021 per concludersi entro il 2023.

Maggiori info le trovate su TechRepublic e su heise online