Riflessione serale sul look di Linux Mint…

Riflessione serale sul look di Linux Mint…

Non so voi ma io ogni volta che installo Linux Mint perdo un sacco di tempo nel tentativo (spesso vano) di personalizzarne l’aspetto della distro cercando di trovare un tema di icone “neutro”, un buon tema gtk e un buon tema per Cinnamon.

Mint X, il tema di default di Linux Mint

Quando dico tema di icone neutro mi riferisco a quei temi di icone che non vanno a mascherare le icone dei vari programmi. A mio avviso i set di icone di default delle distro devono personalizzare solo cartelle e applicativi personalizzati per una questione di rispetto nei confronti degli sviluppatori dei vari programmi che investono tempo e risorse per avere un proprio brand, un look che rende i loro programmi subito riconoscibili.

Mint Y, quello che dovrebbe essere il restyling di Linux Mint

Non so come fanno in Linux Mint a non curare minimamente questo aspetto. I temi di default mascherano pesantemente le icone dei vari programmi. Veramente c’è qualcuno a cui piacciono questi temi?

PS: io questa sera ho trovato il mio equilibrio con questa combinazione. Come tema di icone ho utilizzato le icone Adwaita 3.26 che sono le uniche che sono decenti che sono riuscito a trovare.
Tema GTK è Adapta mentre il tema Cinnamon è Adapta-Nokto. Il wallpaper è questo

Il mio tentativo di rendere il tutto più carino

PPS: e comunque ancora non sono convinto del risultato finale
PPPS: vengo da un tour su elementary, li si che sanno come fare i set di icone e personalizzare il look globale della distro (scrollbar a parte) ma questa è un’altra storia…

La mia intervista per la trasmissione RADIOLINUX di RadiostART

La mia intervista per la trasmissione RADIOLINUX di RadiostART

Negli scorsi giorni ho avuto il piacere di essere intervistato per la trasmissione RADIOLINUX in onda su RadiostART una web radio italiana.

RADIOLINUX, come lascia intendere il nome, è una trasmissione dedicata al mondo GNU/Linux. Per chi si fosse perso la diretta è possibile riascoltare il podcast della puntata integrale all’indirizzo
Potete ascoltarla andando all’indirizzo:
https://www.radiostart.it/blog/podcast/radiolinux-puntata-1/

RADIOLINUX Puntata 1

Il primo problema di Linux: le persone che non sanno cambiare!

Il primo problema di Linux: le persone che non sanno cambiare!

Lo sapete quale è il vero problema che impedisce ai sistemi operativi Linux di arrivare nella case delle persone comuni? Le persone che sanno cambiare!

Si proprio così, sono loro, gli utenti pigri, gli utilizzatori finali svogliati, sono loro la vera causa. Persone che si ostinano ad usare sistemi Windows non perché lo reputino superiore, non perché ne abbiano reale necessità lavorativa (perché oh, io stesso sono uno di quelli che volente o nolente deve avere a che fare per lavoro con Windows) e nemmeno perché hanno la scusa di aver comprato la licenza (perché il più delle volte non l’hanno manco comprata o avuta col PC assemblato di turno) ma semplicemente perché non vogliono cambiare, perché se gli cambi la disposizione di una icona iniziano ad andare nel panico, perché se gli mostri come installare una applicazione con due click si sentono male al sol pensare di cliccare una icona e magari preferiscono andare in giro per il web e pescare eseguibili della peggior specie per craccare programmi per ritoccare (malamente) le foto fatte con il cellulare.

Queste persone sono il vero problema, persone con la paura di cambiare, persone che non riescono a ragionare fuori dagli schemi, persone che continuano a fare le cose sempre nello stramaledetto modo perché hanno sempre fatto così e pensano che quello sia l’unico modo di fare le cose.

Se non cambia la testa delle persone non andremo molto lontano….

Immagine via Pixabay