Linux Mint 18.3

Linux Mint 18.3

Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che ha come obbiettivo di fornire una esperienza subito pronta all’uso dato che include plugin per browser, codec audio/video, supporto ai DVD e Java di default. Fornisce dei programmi custom per la gestione e installazione della distribuzione. Versione 18.3 Questa versione contiene: A Better Manager Although […]

Related posts:

  1. Linux Mint 18.1: Serena Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che…
  2. Linux Mint 18.2 Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che…
  3. Linux Mint 18.1 “KDE”, “Xfce” Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che…

Linux Mint: Approvate le Beta di Linux Mint 18.3 Xfce e Linux Mint 18.3 KDE

Linux Mint: Approvate le Beta di Linux Mint 18.3 Xfce e Linux Mint 18.3 KDE

Clement Lefebvre ha dato il via libera al rilascio delle Beta Release di Linux Mint 18.3 Xfce e Linux Mint 18.3 KDE.

Entrambe le edizioni portano con se le novità che abbiamo avuto modo di apprezzare sulle edizioni principali con Cinnamon e MATE ovvero:

  • Timeshift che si affianca a mintBackup
  • Nuovo tool per la gestione dei report di sistema in caso di crash
  • Xed, l’editor di testo, ora offre la funzionalità minimap
  • La barra degli strumenti di Xreader (il lettore PDF) è stata migliorata. I pulsanti della cronologia sono stati sostituiti dai pulsanti di navigazione (la cronologia può sempre essere visualizzata tramite il menu). Aggiunto ai pulsanti di zoom un terzo per resettare il livello di zoom al fine di rendere coerente Xreader con le altre Xapp. Xreader ottiene inoltre il supporto per rilevare le dimensioni dello schermo, in modo che lo zoom del 100% significa che quello che vedi sullo schermo è esattamente la dimensione del documento che avrebbe sulla carta.
  • In Xplayer, il lettore multimediale, la finestra a schermo intero è stata migliorata per sembrare più pulita e per essere più coerente con la modalità finestra del lettore.
  • Miglioramenti nelle impostazioni di personalizzazione della schermata di login
  • Redshift installato per default
  • PIA Manager non richiede più la password di root per essere eseguito
  • Miglioramenti nel Software Manager che ora ha una nuova user interface e risulta più leggero e veloce
  • Supporto Flatpak

Linux Mint 18.3 Xfce beta release

La versione Beta di Linux Mint 18.3 Xfce porta inoltre alcuni miglioramenti in Xfce come:

  • un aspetto migliore delle notifiche che ora sono inoltre maggiormente personalizzabili rispetto al passato con miglioramento dei temi con supporto alle icone simboliche
  • la possibilità di impostare le notifiche su “Non disturbare” in modo da evitare il mostrarsi delle notifiche
  • la possibilità di ignorare le notifiche di specifiche applicazioni e di avere un log con le notifiche perse
  • il task manager è ora in grado di identificare le finestre facendo click su di esse
  • il terminale è stato aggiornato alla versione 0.8.0 e ha ricevuto nuove funzionalità

La versione di Xfce è la 4.12 e il kernel linux 4.10

Linux Mint 18.3 KDE beta release

La versione Beta di Linux Mint 18.3 KDE, che sarà l’ultima versione di Linux Mint ad essere rilasciata con KDE, porta soltanto l’ultima minor release di KDE Plasma 5.8.

Per maggiori informazioni su questo rilascio e per scaricare le ISO vi rimando ai rispettivi post sul blog ufficiale di Linux Mint:

Riflessione serale sul look di Linux Mint…

Riflessione serale sul look di Linux Mint…

Non so voi ma io ogni volta che installo Linux Mint perdo un sacco di tempo nel tentativo (spesso vano) di personalizzarne l’aspetto della distro cercando di trovare un tema di icone “neutro”, un buon tema gtk e un buon tema per Cinnamon.

Mint X, il tema di default di Linux Mint

Quando dico tema di icone neutro mi riferisco a quei temi di icone che non vanno a mascherare le icone dei vari programmi. A mio avviso i set di icone di default delle distro devono personalizzare solo cartelle e applicativi personalizzati per una questione di rispetto nei confronti degli sviluppatori dei vari programmi che investono tempo e risorse per avere un proprio brand, un look che rende i loro programmi subito riconoscibili.

Mint Y, quello che dovrebbe essere il restyling di Linux Mint

Non so come fanno in Linux Mint a non curare minimamente questo aspetto. I temi di default mascherano pesantemente le icone dei vari programmi. Veramente c’è qualcuno a cui piacciono questi temi?

PS: io questa sera ho trovato il mio equilibrio con questa combinazione. Come tema di icone ho utilizzato le icone Adwaita 3.26 che sono le uniche che sono decenti che sono riuscito a trovare.
Tema GTK è Adapta mentre il tema Cinnamon è Adapta-Nokto. Il wallpaper è questo

Il mio tentativo di rendere il tutto più carino

PPS: e comunque ancora non sono convinto del risultato finale
PPPS: vengo da un tour su elementary, li si che sanno come fare i set di icone e personalizzare il look globale della distro (scrollbar a parte) ma questa è un’altra storia…

Come aggiornare a Linux Mint 18.3

Come aggiornare a Linux Mint 18.3

Stamane è stato ufficialmente annunciato il rilascio delle ISO di Linux Mint 18.3 utili per chi installa per la prima volta Linux Mint.
Per gli utenti che provengono da Linux Mint 18.2 (o release 18.x precedenti) è comunque possibile aggiornare il sistema fin da subito grazie al Gestore Aggiornamenti.
Vediamo come fare.

Creare uno snapshot con Timeshift

Uno dei programmi che troviamo preinstallati su Linux Mint 18.3 è Timeshift, un programma che ci consente di creare degli snapshot di sistema da poter usare per ripristinare il nostro computer in caso di problemi.
Siccome la prudenza non è mai troppa il team di Linux Mint consiglia di usarlo anche su Linux Mint 18.2 prima dell’aggiornamento a Linux Mint 18.3. Per farlo da terminale diamo

sudo apt update && sudo apt install timeshift

Una volta installato Timeshift non ci resta che avviarlo e seguire le istruzioni a video per poter creare il nostro snapshot prima dell’upgrade.

Preparare il sistema per l’upgrade

Prima di procedere all’upgrade disattivate il Salvaschermo dalle impostazioni di sistema.
Altra cosa fondamentale è, se avete installato appletes, desklets, estensioni e temi per Cinnamon verificate la presenza di aggiornamenti degli stessi dalle impostazioni di sistema.

Aggiornare a Linux Mint 18.3

Bene, dopo aver fatto i suddetti passaggi possiamo passare alla fase di aggiornamento vero e proprio. Avviate il Gestore Aggiornamenti, cliccate su Menu e poi Cerca Aggiornamenti (potete farlo anche dal tasto presente nella schermata principale del Gestore Aggiornamenti.

Cliccate ora su Modifica e selezionate la voce Aggiorna a “Linux Mint 18.3 Sylvia” (gli screen sono in inglese perché ho utilizzato quelli del sito di Linux Mint visto che io ho reinstallato perché provenivo da una distro diversa)

A questo punto non ci resta che seguire le istruzioni a schermo e attendere il completamento della procedura di upgrade

Durante l’aggiornamento vi dovrebbe chiedere di mantenere o sostituire i file di configurazione. Voi scegliete di sostituirli.

Al termine dell’aggiornamento riavviate il computer e gustatevi Linux Mint 18.3

Info aggiuntive

Sebbene Linux Mint 18.3 abbia un kernel più recente la procedura di upgrade non cambierà in automatico la versione del kernel precedentemente installata. Starà a voi aggiornare o meno il kernel dal Gestore Aggiornamenti.
La stessa cosa accade per la scelta del display manager e della selezione di software preinstallato. Le applicazioni da voi installate non verranno rimosse così come non verranno aggiunte applicazioni aggiuntive.
Nel caso vogliate provare le nuove applicazioni che vengono preinstallate con Linux Mint 18.3 come Redshift e mintreport potrete installarle manualmente da terminale dando

sudo apt install redshift-gtk

e

sudo apt install mintreport

Se stai utilizzando Cinnamon o MATE e l’upgrade non è ancora disponibile controlla di aver installate le ultime versioni di mintupdate e mint-upgrade-info. Se le versioni più recenti dei tool di aggiornamento non sono installate cambiare mirror e passate a quello principale di Linux Mint.

Linux Mint 18.3 “Sylvia” Cinnamon e MATE ufficialmente rilasciate

Linux Mint 18.3 “Sylvia” Cinnamon e MATE ufficialmente rilasciate

Linux Mint 18.3 “Sylvia” Cinnamon

Il team di Linux Mint ha ufficializzato il rilascio di Linux Mint 18.3 nome in codice Sylvia nelle edizioni principali equipaggiate con Cinnamon e MATE.
Si tratta della terza point release della serie 18.x basata su Ubuntu 16.04 LTS e come la distro dalla quale deriva offre supporto esteso sino al 2021.
Fra le novità principali di Linux Mint 18.3 troviamo:

  • Cinnamon 3.6 con supporto HiDPI e alle barre di avanzamento
  • Timeshift che si affianca a mintBackup
  • Nuovo tool per la gestione dei report di sistema in caso di crash
  • Xed, l’editor di testo, ora offre la funzionalità minimap
  • La barra degli strumenti di Xreader (il lettore PDF) è stata migliorata. I pulsanti della cronologia sono stati sostituiti dai pulsanti di navigazione (la cronologia può sempre essere visualizzata tramite il menu). Aggiunto ai pulsanti di zoom un terzo per resettare il livello di zoom al fine di rendere coerente Xreader con le altre Xapp. Xreader ottiene inoltre il supporto per rilevare le dimensioni dello schermo, in modo che lo zoom del 100% significa che quello che vedi sullo schermo è esattamente la dimensione del documento che avrebbe sulla carta.
  • In Xplayer, il lettore multimediale, la finestra a schermo intero è stata migliorata per sembrare più pulita e per essere più coerente con la modalità finestra del lettore.
  • Miglioramenti nelle impostazioni di personalizzazione della schermata di login
  • Redshift installato per default
  • PIA Manager non richiede più la password di root per essere eseguito
  • Miglioramenti nel Software Manager che ora ha una nuova user interface e risulta più leggero e veloce
  • Supporto Flatpak

Trovare le note di rilascio sulle ISO, i link per scaricarle tramite torrent o link diretto e altre info sul blog ufficiale agli indirizzi:

Le novità di Linux Mint 18.3 e Cinnamon 3.6, l’addio di KDE, l’arrivo di Flatpak e la futura release di LMDE

Le novità di Linux Mint 18.3 e Cinnamon 3.6, l’addio di KDE, l’arrivo di Flatpak e la futura release di LMDE

Puntuale come ogni mese è arrivato il post di Clem che ci aggiorna sulle novità dal mondo Linux Mint. Vediamo quali sono

Linux Mint KDE 18.3 sarà l’ultima release di Mint con KDE
Ebbene si, Linux Mint KDE 18.3 sarà l’ultima release di Linux Mint con KDE. La decisione è legata sia al buon lavoro fatto a monte da Kubuntu, la distro alla base di Linux Mint KDE, sia per questioni legate allo sviluppo di software. Come ben saprete, da qualche release a questa parte il team di Linux
Mint è impegnato nel progetto XApps, una serie di applicazioni compatibili con Cinnamon, MATE e Xfce che porta via tempo e risorse e che non interessa lo sviluppo di KDE.
Gli utenti di Linux Mint 19 potranno comunque installare KDE sulla propria distro se proprio vorranno usare KDE sfruttando i repository di Kubuntu.


LMDE 3 si chiamerà Cindy e sarà basato su Debian Stretch
Linux Mint Debian Edition nasce come una opzione di fallback in caso di fallimento o problemi con Ubuntu. Il lavoro svolto dal team di Linux Mint per portare avanti lo sviluppo di due distribuzioni distinte è comunque elevato ma portato avanti lo stesso anche se gli utenti LMDE sono una piccola parte di quelli di Linux Mint. Per questo motivo lo sviluppo di LMDE è si importante ma non è urgente.
Il team di Linux Mint ha dunque deciso che LMDE 3 nome in codice “Cindy” sarà basata su Debian Stretch e sarà rilasciata nel primo trimestre 2018 nella sola variante con Cinnamon 3.8


Flatpak preinstallato su Linux Mint 18.3
Per facilitare la gestione degli aggiornamenti e l’aggiornamento di specifici programmi che hanno dipendenze con le ultime versioni delle GTK il team di Linux Mint ha deciso di aggiungere il pieno supporto a Flatpak per Linux Mint 18.3.
Flatpak sarà configurato per impostazione predefinita per usare due repository: Flathub e gnome-apps.
La gestione dei Flapaks passerà per il Gestore Software che verrà arricchito di una nuova sezione contenente tutti i contenuti disponibili su ambo i repository.

La lista della applicazioni Flatpak installabili

Anche se FlatHub e GNOME Apps sono configurati per impostazione predefinita sarà comunque possibile modificarli o aggiungere nuove sorgenti.
Le principali caratteristiche dei programmi installati tramite Flatpak su Linux Mint sono:

  • Le applicazioni Flatpak usano il tema Adwaita GTK ma in futuro utilizzeranno Mint-X/Mint-Y (quando non si sa). 
    GNOME Games 3.26 installato da Flatpak su Linux Mint
  • Le applicazioni Flatpak verranno aggiornata automaticamente al login
  • Le applicazioni Flatpak non appariranno in applicazioni installate e non saranno reinstallate da Backup Tool in caso di ripristino.

Cinnamon 3.6
Cinnamon 3.6 è stato rilasciato nella giornata di ieri nei repository di Sylvia. La maggior parte delle novità sono state illustrate nei mesi scorsi ma alcune sono state aggiunte di recente. Di nuovo troviamo:

  • Tastiera a schermo: la dimensione e la posizione della tastiera su schermo sono ora configurabili ed è possibile posizionarla dove vogliamo. È stato fixato il supporto AT-SPI e sono stati patchati sia Onboard che Cinnamon per non interferire più con la tastiera a schermo.
  • GNOME Online Accounts: Cinnamon 3.6 supporta GNOME Online Accounts e consente agli teutni di navigare su Google Drive e OwnCloud direttamente in Nemo. 
    Il supporto a GNOME Online Accounts in Cinnamon 3.6
  • Supporto Libinput: Linux Mint 18.3 verrà rilasciata con il driver libinput. Cinnamon 3.6 supporta pienamente sia Synaptics che Libinput e fornisce una configurazione automatica che si adatta bene alla maggior parte dei touchpad indipendentemente dal driver utilizzato.
  • Altri miglioramenti: la lista completa di tutti i miglioramenti è presente su GitHub. Ovviamente si è proceduto come sempre alla correzione di bug e al miglioramento delle prestazioni e della stabilità.
PIA Manager
Il gestore PIA (Private Internet Access) viene ora eseguito in modalità utente (ovvero senza privilegi di amministratore e quindi senza la necessità di inserire una password).

Questo strumento rende banale la connessione del computer all’account PIA e ad una VPN PIA. Il PIA Manager sarà disponibile nei repository di Linux Mint 18.3.

Redshift
Redshift sarà installato per impostazione predefinita in Linux Mint 18.3 Questo programma è in grado di adattare la temperatura del colore dello schermo in base all’ora del giorno rendendola più calda di notte per ridurre l’impatto sugli occhi. Redshift sarà disponibile nel menu Accessori.
Report informativi in caso di crash
Oltre ai report in cado di crash, Mintreport sarà in grado di mostrare il rapporto informativo. Ecco un esempio di report
L’intenzione degli sviluppatori è quella di migliorare sempre più il tool in modo da aiutare gli utenti fornendo soluzioni a problemi comuni e aiutarlo così a risolvere il problema.
Miglioramenti delle XApps
Anche le XApps hanno ricevuto miglioramenti. In Xed, l’editor di testo, è stata aggiunta la minimap
La minimap di Xed
Xreader, il lettore PDF, è ora in grado di rilevare DPI e dimensioni del monitor per rendere la dimensione del documento visualizzato sullo schermo corrispondente alla dimensioni reali del foglio di carta quando si utilizza un livello di zoom del 100%
Cosa ci aspetta su Linux Mint 18.3? Ecco alcune novità che troveremo

Cosa ci aspetta su Linux Mint 18.3? Ecco alcune novità che troveremo

Clement Lefebvre, il team leader di Linux Mint, ha da poco pubblicato un post sul blog ufficiale della distro dove ci ha anticipato alcune delle novità che troveremo su Linux Mint 18.3. Vediamo insieme quali sono.

Strumento di backup
Lo strumento di backup è stato quasi interamente riscritto. Il team si è concentrato su diversi aspetti di questo tool, dalle funzionalità all’aspetto dello stesso.

Una delle caratteristiche più importanti è data dal fatto che non dovremo più inserire la nostra password ogni qual volta l’avviamo in quanto lo strumento di backup non funziona più come root. Quando si esegue il backup il tool provvederà ora a fare un semplice backup della directory home salvando tutti i file in un archivio tar.
Quando si ripristina un backup, i file vengono ripristinati nello stesso luogo in cui erano prima, con le loro autorizzazioni originali e timestamp.
Naturalmente durante l’esecuzione di un backup è possibile escludere file e directory e gli elementi da escludere vengono ricordati per i backup futuri (l’idea è di rendere più facile eseguire regolarmente nuovi backup).
Per impostazione predefinita, le cache e le impostazioni che si trovano nelle directory nascoste e i file nella directory principale sono esclusi dai backup. È comunque presente una opzione per includerli e questa opzione viene memorizzata e ricordata per i backup futuri.

Anche il backup dei software installati è stato semplificato. Anziché mostrare migliaia di pacchetti da scegliere lo strumento elenca semplicemente i pacchetti installati dal Gestore Applicazioni.

Il team si è inoltre concentrato sulla ottimizzazione del codice. le prestazioni e la stabilità dello stesso. in particolare per quanto riguarda la compressione dei dati e il multi-threading.

Barra di avanzamento
Una delle funzionalità più utili dei moderni desktop è la presenza di una barra di avanzamento che ci indica la percentuale di completamento di una data operazione o download direttamente sulla finestra delle applicazioni presente sul pannello. Tale funzionalità, introdotta su Windows 7, è ora presente anche in altri DE come KDE. Bene, a partire da Linux Mint 18.3 anche Cinnamon 3.6 potrà beneficiare di questa funzionalità.

Il codice per aggiungere questa funzionalità è stato aggiunto a LibXapp, una libreria che è presente nella maggior parte delle distribuzioni.
Fino ad ora questa nuova funzionalità è stata implementata in

  • Nemo (operazioni di file)
  • Lo strumento di backup
  • Il Gestore Applicazioni
  • Il Driver Manager
  • Il formattatore di penna USB
  • Lo scrittore di immagine USB

Il team di Linux Mint sta inoltre considerando l’aggiunta del supporto in MATE, Caja e Synaptic (incluse tutte le applicazioni che utilizzano Synaptic).
Altri miglioramenti
L’applet Gestore reti implementerà la possibilità di eseguire la scansione per le reti wireless. 
Upload Manager e Domain Blocker verranno rimosse dalla selezione di software predefinita e non saranno dunque più installati per impostazione predefinita (continueranno ad essere presenti nei repository).
Linux Mint 18.2

Linux Mint 18.2

Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che ha come obbiettivo di fornire una esperienza subito pronta all’uso dato che include plugin per browser, codec audio/video, supporto ai DVD e Java di default. Fornisce dei programmi custom per la gestione e installazione della distribuzione. Versione 18.2: Sonya Questa versione contiene: Linux Mint 18.2 […]

Related posts:

  1. Debian 9: Stretch Debian GNU/Linux Debian GNU/Linux è un progetto collaborativo per la…
  2. Linux Mint 18.1: Serena Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che…
  3. Linux Mint 18.1 “KDE”, “Xfce” Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che…